“il linguaggio del corpo maschile e la datazione”

I Piedi. Forse non sai che esiste anche il linguaggio dei piedi: puntare il piede, soprattutto il destro, verso qualcuno vuol dire che si è attratti da quella persona, o da quello che sta dicendo. Ogni tanto quindi vedi in che direzione punta i suoi.

Pollice in su: in Australia, in Inghilterra e in Nuova Zelanda può significare “Ok”, ma è anche un segnale di autostop o addirittura di insulto, mentre in Grecia state attenti perché è prevalentemente usato in senso dispregiativo

In generale che differenza c’è nel ricevere una pacca sulla spalla, una mio appoggiata nella mia spalla o una mano che stringe la mia spalla?Siccome di questa persona non so più se potermi fidare oppure no magari anche da questi piccoli gesti possono coglierne qualcosa.grazie

Per capire se tu gli interessi particolarmente, cerca di vedere se fa le stesse cose con le altre signore della palestra. Se queste attenzioni, e atteggiamenti simpatici, li ha solo con te… è abbastanza chiaro che… 🙂

Un uomo interessato a te oltre ad avvicinarsi fisicamente (anche senza entrare in intimità, soprattutto se è prematuro), a guardarti, a protendersi verso di te e a mostrarsi aperto con il corpo, evita di porre ostacoli tra te e lui.

Il pollice alzato è usato in molte culture per dire OK. In Francia e in Italia può indicare il numero 1. Al contrario, nei paesi islamici e in Grecia è un gesto dai significato sessuale di cattivo gusto.

Ma un uomo come dimostra il suo interesse (o meno) con gli occhi? Secondo gli psicologi, quando un uomo è attratto da una donna “allarga” lo sguardo, ovvero le sue pupille si dilatano. Diciamo che, per constatare o meno tale dilatazione, è bene avvicinarsi a lui con tatto e senza fargli notare che si sta “scrutando” la pupilla in modo quasi inquietante.

Il modo di camminare. Come cammina: affiancato a te o tende a superarti? Nel primo caso sei al centro della sua attenzione, sopratutto se ti lascia il passo prima di entrare in un locale. Nel secondo cerca di predominare: è più interessato a se stesso e a mettersi in mostra.

Ottime nozioni di base, ho trovato un po’ difficile da seguire la parte in cui di parla dei codici, forse avendo sotto mano delle immagini delle varie espressioni , oppure riproponendole in modo più ripetitivo durante le spiegazioni sarebbe più facile da seguire. Comunque ottimo prodotto, gradevole da guardare e certamente molto utile.

Potrebbe essere utile, per convincerla, riferirsi ad essa in modo generico – non sappiamo DA COSA vorrebbe essere libera, magari dal lavoro (forse vuole prendersi una vacanza) o dai figli o dai parenti o chissà – dicendogli qualcosa tipo “per me è importante che le persone siano LIBERE di decidere”.

Anche se non ci facciamo caso, utilizziamo quotidianamente una miriade di gesti per esprimerci. Non solo per sedurre, ma anche per dare maggiore enfasi a ciò che diciamo, esprimere sottili disaccordi eccetera. Qui alcuni tipi di comunicazione non verbale molto utilizzati: http://happily.it/5-messaggi-nascosti-del-linguaggio-del-corpo/

Bene, ciao …vorrei porre pure io una domanda mi chiamo Joana e ho 31 anni: da giugno 2015 esco con una comitiva di ragazzi ballerini di salsa, con i quali mi trovo benissimo, soprattutto la loro compagnia mi ha aiutato a superare la fine di una storia d’amore durata 13 anni. Uno di questi ragazzi mi incuriosisce ha 29 anni, il perché è dato dal fatto che mi guarda spesso all’inizio lo sguardo era fisso ora mi guarda e quando lo guardo si gira, mi stuzzica, poi insieme ad un suo amico (che secondo me potrebbe sapere tutto) mi guardano spesso e confabulano, ovviamente non so cosa? pero’ mi guardano di tanto in tanto mente lo fanno, fa apprezzamenti sul mio fisico e una volta mi ha squadrato pure bene. Soltanto una volta ha fatto un bel gesto, mi aveva invitato a casa sua e mi disse: ti ho preso la cioccolata e del te visto che l’altra volta che sei venuta da me non cera.

mentre camminiamo mi tiene a braccetto, a volte mi spinge, per fare le trazioni a volte mi prende da dietro per i fianchi e mi aiuta a sollevarmi (è normale?), mi ha aiutata a fare lo streaching tirandomi piede e tenendomi la gamba contemporaneamente ed era in piedi di fronte a me, ci guardavamo e lui mi sembra che aveva occhi come eccitati.

Le persone possono toccare il lato del naso o accarezzare il mento quando stanno pensando, prendendo decisioni o giudicando qualcuno. Darsi dei colpetti sulla testa può essere un segno di auto-punizione e quindi segnale di pentimento, per esempio farlo  sulla fronte con il palmo della mano può significare “sono uno stupido”.

Spesso però, per sedurre gli uomini o le donne le persone si affidano ai pochi concetti che conoscono, la maggior parte delle volte sbagliati, oppure ancora peggio al caso. Molti ignorano che anche in questo campo esistono dei principi e delle strategie che possono essere di estremo aiuto nel sedurre una persona.

Alla vista di una persona attraente, il nostro cervello invia precisi segnali alla ghiandola surrenale, che secerne ormoni come l’adrenalina e noradrenalina i quali, scorrendo attraverso il sangue, fanno sì che il cuore batta più veloce e più forte, un po come quando si corre sul tapis roulant. La noradrenalina in particolare è anche responsabile dell’attivazione dei meccanismi del cervello che spingono all’azione. Risultato: un’irrefrenabile voglia di chiacchierare per creare un contatto con la persona che piace.

Poi è sempre premuroso, a volte per far esercizio o mentre ci spostiamo mi sfiora il sedere mi sembra a volte. E anche gli altri Personal Trainer della palestra incominciano a fare battutine e a salutarmi.

Ciao Mauro, volevo chiarezza su una cosa…mi è capitato due settimane fa con una collega di lavoro di parlare e scherzare insieme…lei faceva molti segni di interessamento e sempre ridendo, diceva che per conquistarla, bisogna farla parlare tanto ed ascoltarla…in sostanza era ciò che stava accadendo…poi la settimana scorsa ci rivediamo sempre al lavoro ed appena arrivata era molto aperta con me..come la settimana precedente ma dopo poche ore si è chiusa…dandomi segnali di non interessamento…tra cui fare una barriera con il cellulare, facendo finta di non ascoltare etc….sicuramente qualcosa che ho fatto l’ha infastidita..

Il nostro corpo quindi “parla” molto anche se imparare a interpretare ciò che ci dice non sempre è facile, bisogna interpretarne i segnali anche in base al contesto e non in maniera isolata. Non bisogna quindi soffermarsi sul singolo gesto. Inoltre dobbiamo sapere che ci sono parti del nostro corpo che riusciamo a tenere sotto controllo più di altre, come la mimica facciale o comunque tutto ciò che avviene nella parte superiore del corpo. Più difficile invece gestire ciò che fanno i piedi. Scopriamo meglio come interpretare i segnali del corpo durante la comunicazione focalizzandoci su alcune zone particolari del nostro corpo.

volevo porre questo quesito, tempo fa stavo parlando con un uomo , arriva e si siede con le gambe larghe e mette le mani alla cintura la toglie dal primo passante come a volerla aprire e poi la rimette nel passante del pantalone.

Nel tentativo di evitare di sembrare sfuggenti, alcuni bugiardi vi fisseranno negli occhi intenzionalmente un po’ troppo a lungo, in modo da mettervi un po’ a disagio, secondo l’analista comportamentale e esperta di linguaggio del corpo Lillian Glass.

aiuto allestimento allevamento a mano autodeplumazione bagno bambini benessere cacatua camera calda cites comportamento alimenti convivenza cosa fare quando… divertimento documenti errori etologia fai da te falsi miti fontana foraging foto frullati fuga gabbie gioco guida imbecco legge linguaggio del corpo malgestione neofiti pappagalli pericoli posatoi pullus sindrome specie storie utilità voliere volo zampe

In questo articolo  troverai una selezione di gesti con il relativo significato in varie culture. Spero ti aiuterà a socializzare quando vorrai comunicare nonostante le barriere linguistiche. Ti potrebbero anche essere utili le nostre guide di conversazione gratuite:

Pacori, però. avverte che esistono anche situazioni e gesti meno ortodossi. Un esempio? Scatenare volontariamente un litigio o vivere insieme un’esperienza emozionante mettono in circolo l’adrenalina. «Le sensazioni provate facendo rafting o in un parco divertimenti si trasferiscono sull’eccitazione e possono funzionare da collante, cosi come la paura e l’ansia condivise in momenti particolari” dice.